"La verità sul coronavirus vien di notte" e la censura è h.24!


Durante la notte tra il 28 ed il 29 novembre, alle 01.00 del mattino, è andata in onda sulla televisione di Stato RAI 1 l'intervista al virologo Giulio Tarro, condotta da Bruno Vespa nell'ambito del popolare programma "Porta a porta".


La notizia non ha avuto alcun risalto sulla stampa nazionale, il servizio non è presente sul podcast di RaiPlay ed al momento non ci sono tracce dell'intervista né su YouTube, né su altri canali nel web!


Ho trovato in rete solo un articolo del quotidiano on line "Il Popolo della Democrazia Cristiana" di cui riporto uno stralcio e che potete leggere per intero cliccando questo link: LA VERITÀ SUL CORONAVIRUS VIEN DI NOTTE: IL PROF. GIULIO TARRO A PORTA A PORTA SCONVOLGE LE COMUNICAZIONI DI STATO E SCIOCCA TUTTI, BRUNO VESPA COMPRESO !.


"IL PROFESSOR TARRO: USCIAMO DALLA PAURA !


Ed ecco cosa gli italiani ancora svegli hanno potuto ascoltare dall’autorevole voce “fuori dal coro”, che ha potuto esprimersi sul coronavirus.

L’emerito scienziato da Premio Nobel Giulio Tarro in collegamento da Napoli, in poche ed incisive parole, molto umili, com’è nel suo stile [...], con la limpidezza che lo contraddistingue, ha sostenuto che non è necessario un vaccino per questa pandemia, bensì cure antivirali o simili già sperimentate in altri paesi da usare più che altro nelle prime fasi della malattia senza che si arrivi in terapia intensiva.

Da qui l’esigenza di intervenire subito sull’identificazione della malattia stessa e non quando la situazione è precipitata come da tragica esperienza italiana.

Prosegue dicendo: – che probabilmente nel giro di poco tempo il virus potrebbe effettivamente scomparire spontaneamente (parere già paventato da Israele); – che non la si può considerare una pandemia e che non c’è paragone per esempio con la Spagnola, la quale attaccava per intero l’organismo e mieteva vittime più tra i giovani debilitati e denutriti del dopoguerra;

– che gli anziani vanno protetti perché soggetti più fragili e portatori di altre patologie in genere, ma che il virus andrebbe fatto circolare liberamente per raggiungere una reale cosiddetta “Immunità di gregge” nel resto della popolazione più forte a sostenere ed affrontare cure debilitanti se colpisce un organismo con basse protezioni immunologiche."


I mass media plagiati


Non intendo entrare nella discussione medico scientifico, lo ha già fatto con indiscussa competenza il prof. Tarro!

Questo post è la mia ennesima denuncia riguardo la strumentalizzazione dei mass media, ormai è palese che stiamo attraversando una vera e propria guerra e non solo mediatica!


Guerra civile?


Siamo davanti al preludio di una potenziale guerra civile, ormai da mesi il clima discriminatorio è già una realtà sui posti di lavoro, nei ritrovi di ogni genere, tra le amicizie e anche nelle famiglie tra consanguinei e parenti.

Le imminenti restrizioni sulla mobilità che colpiranno solo i non vaccinati sono di fatto un'ingiustizia dettata solo da fini politici e che non è sorretta da alcuna ragione medico-scientifica.

Il decreto 172 del 26 novembre 2021 ha praticamente sancito l'apartheid nel nostro Paese!


La visione


George Orwell fu un visionario, lessi "1984" da adolescente e lo interpretai come un "libro di fantascienza"... è incredibile come, nel 1948, il grande scrittore seppe anticipare in maniera tanto limpida e dettagliata quella che è la nostra attuale realtà!


Temo che sarà un Natale, (anzi no, Natale adesso per la UE non si può più dire)... Temo che sarà una festività di fine anno molto cupa per tante famiglie.


Non voglio essere pessimista però, mia mamma, in circostanze difficili come queste, mi diceva sempre: "Sta tranquillo Daniele, lascia tempo al tempo non essere impulsivo, alla fine i nodi vengono sempre al pettine!"


Daniele Pezzali consulente in Procurement & ICT (visita:ww.danielepezzali.com)

Seguimi su LinkedIn

1 dicembre 2021