top of page

103° L’aggregazione dei dati per i costi standard - Da "Il mondo degli Acquisti"



Parlando di Budget degli Acquisti, con quale metodo la funzione Procurement approccia la raccolta e l'elaborazione dei dati per la previsione dei costi?


La formulazione dei costi standard è una fase molto importante che richiede organizzazione del lavoro, confronto con fornitori e colleghi, analisi dettagliata dei dati. Ecco alcuni spunti per iniziare l'attività:


Raccolta dei dati:

  • Disporre i dati di acquisto in modo organizzato (per fornitore, per categoria merceologica, per codice prodotto, per budget di spesa…).

  • Applicare sul fatturato d'acquisto (dati storici o esplosione dei fabbisogni dal budget di vendita) l’analisi ABC (Pareto) e il diagramma di Kraljic per concentrarsi sui prodotti strategici.

Aggregazione dei dati:

  • elementi simili per tipologia produttiva,

  • elementi legati alle stesse macro-variabili di mercato,

  • elementi con la medesima struttura di costo,

  • elementi da catalogo e/o speciali.

  • elementi provenienti dai «best cost countries»


Sette step per arrivare alla previsione del costo

  1. Analisi storica dei costi relativa agli acquisti precedenti per identificare i costi medi o tipici associati a determinati beni o servizi.

  2. Benchmarks di settore per confrontare i propri costi con quelli di altre realtà simili nel settore.

  3. Negoziazione con fornitori per ottenere informazioni dettagliate sui costi dei materiali, dei cicli di produzione e di altri fattori che influenzano il costo finale.

  4. Analisi del valore con l'intento di suddividere il costo complessivo in elementi specifici (breakdown del prezzo) e valutare come ciascun elemento contribuisca al costo totale.

  5. Tecnologie avanzate per l'analisi dei dati, l'utilizzo di una B.I. può facilitare la raccolta e l'analisi degli elementi per definire il costo.

  6. Feedback interno, da parte della produzione, qualità, logistica e finanza, per reperire informazioni preziose sulla struttura dei costi e sulle previsioni di spesa future.

  7. Valutazione e simulazione delle strategie di acquisto per arrivare a formulare le stime realistiche dei costi futuri.


Questa prima fase preparatoria serve per "fare ordine" e per separare tutti quei materiali poco significativi dal punto di vista del valore d'acquisto, per i quali sarebbe tempo sprecato dedicare risorse e troppa attenzione.

Mentre sui materiali, componenti, servizi principali (classe A e B del Pareto) è necessario spaccare il capello in quattro per arrivare ad un'obiettiva previsione di costo.


Questa pillola fa parte di un nuova serie di video che descrivono le tematiche inerenti al budget degli acquisti, approfondisci l'argomento guardando il video caricato sul mio canale YouTube (fai click e vedi ora) e non perdere i prossimi video!


L'articolo ha preso spunto dal libro “Il mondo degli Acquisti” (vedi l'estratto del testo e l'elenco dei capitoli), è il 103° articolo, di una serie che pubblicherò sul blog allo scopo di illustrare la professione di compratore e per divulgare le tecniche del Procurement applicabili in un moderno ufficio Acquisti.



Daniele Pezzali consulente e formatore in Procurement


21 dicembre 2023


Comments


bottom of page